#ClNsB – È un ricordo di quelli che non si dimentica.

#ClNsB È un ricordo di quelli che non si dimentica, una rivelazione. Agitò di scatto le mani a destra e a sinistra senza proferir parola, come a voler dire: “non è ciò che credi”, allontanandosi da una giovane donna bionda, dai lunghi capelli lisci, gli occhi azzurrissimi e la pelle chiara color di luna, completamente nuda, scalza. Non accennò alcun imbarazzo o espressione. Era atletica, morbida, silenziosa. Teneva ancora le mani posate al muro, aveva il sedere rotondo e sodo come pani di burro, le gambe aperte, con cui spingeva con forza sul viso. Sembravano aver sudato per ore. E l’immagine di Frid si fissò nella mente più di ogni altro dettaglio in quella espressione stupida, leggera, per me completamente nuova. Quello sguardo a me sconosciuto, il più grande tradimento…

A post shared by Dario Deserri (@dariodeserri) on

Annunci
Pubblicato in Aphorism, berlin, Berlino, Buch, Come le Nuvole sopra Berlino, Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Angela Davis è vegana, e fa il collegamento tra liberazione umana e animale

#Angela Davis

AnimALiena

di JON HOCHSCHARTNER.

Angela Davis è molto nota per la sua prospettiva progressista su razza, genere e classe, ma è meno nota la sua posizione sull’oppressione di specie, che si rivela decisamente radicale. La nota studiosa socialista, e questo potrebbe sorprendere alcun*, non consuma prodotti di origine animale.

“Di solito non menziono il fatto di essere vegana, ma da questo punto di vista sono cambiata,” Davis ha affermato in occasione della ventisettesima edizione della Empowering Women of Color Conference, secondo la trascrizione disponibile su RadioProject.org. “Penso sia il momento giusto per parlarne, perché fa parte di una prospettiva rivoluzionaria – ci permette di sperimentare non soltanto relazioni più compassionevoli con gli esseri umani, ma anche di capire come possiamo sviluppare relazioni compassionevoli con le altre creature con cui condividiamo questo pianeta, e questo significherebbe sfidare l’intero complesso industriale capitalistico della produzione alimentare”.

Mettere in discussione questa modalità di…

View original post 451 altre parole

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

“Una Donna”. Premio Villa Torlonia II ed., finalista 2012. Ed. Giulio Perrone Editore.

Racconti di Marina

Una donna.

I tuoi occhi sono una parola taciuta al mattino

quando t’incontro al passo, saluti sorridendo

convincerti vorrei, di quanto vedo dicendo:

sei tra il serpentare d’acque al rubinetto, sei la goccia,

alla tavola imbandita una melodia ad ogni piatto, dal vetro

gelata armonia, all’ombra d’un lenzuolo sotto la pioggia […]

D.

View original post

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Non è il sesso, è il potere (anche se spesso è la stessa cosa)

femministerie

andrew-hunt-frank-underwooddi Giorgia Serughetti

“A great man once said, everything is about sex. Except sex. Sex is about power”. È Frank Underwood, il celebre personaggio di House of Cards interpretato da Kevin Spacey, attore premio Oscar che proprio in questi giorni è al centro di uno scandalo per molestie sessuali, a indicarci – ironia della sorte – la via d’uscita dal groviglio di errori e banalità che sta segnando la fase due del caso Weinstein e dintorni.

Nella fase due, dopo lo scatenarsi di un acceso scontro di opinioni pro e contro le vittime del produttore hollywoodiano, dopo l’esplosione di denunce virtuali accompagnate dagli hashtag #meetoo e #quellavoltache, dopo timidi tentativi maschili di fare i conti con l’inveterata abitudine a prendere senza chiedere il permesso (hashtag #Ihave), dopo che l’onda partita dal mondo dello spettacolo è andata a lambire la politica dell’Unione Europea (le denunce delle eurodeputate) e…

View original post 769 altre parole

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Cosimo I de’ Medici – Concorso Letterario Internazionale. “Come le Nuvole sopra Berlino” vince il primo premio.

#ComeLeNuvoleSopraBerlino #UnitedArtists #DarioDeSerri

Concorso Cosimo I°: motivazioni per i primi premi sezione Poesia:

EDITA
Primo classificato: Come le nuvole sopra Berlino di Dario De Serri

Un prosimetro che denota la maturità dell’artefice e le assodate capacità compositive sia prosastiche che poetiche. Un’opera ben congegnata non solo nelle sue parti ma anche nella sua macrostruttura, con un andamento narrativo che non dimentica il profondo intento lirico. I richiami letterari non risultano banali né di semplice stampo erudito, anzi l’autore riesce a ricontestualizzarli in uno sfondo contemporaneo, in una Berlino sempre magicamente contraddittoria e inafferrabile, tra iper-realismo e onirismo. L’intimità della coppia, la lotta d’amore, le loro personalità, ma anche il mondo fuori che preme, che scalpita, concatenati ma allo stesso tempo aperti a maglia larga. Un’opera capace di toccare molteplici forme d’arte, sulla scia del montaggio cinematografico d’avanguardia, costellato di correlativi oggettivi e particolari concreti.

LINK: Cosimo I De Medici 28.10.2017 Teatro Magnolfi Prato.

Finale:

Il Racconto “Marco” di Dario DeSerri nella categoria Racconto Inedito.

L’acquerello “La Berlino di Albertine” di Gianni DeSerri nella categoria “Illustrazione”.

Acquerello

 

Pubblicato in Dario De Serri, Dario Deserri, Libri, Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Autunno – Rainer Maria Rilke

Tempo e Spazio. Il blog di Gilberto Gobbi

Autunno

Le foglie cadono da lontano, quasi

giardini remoti sfiorissero nei cieli;

con un gesto che nega cadono le foglie.

Ed ogni notte pesante la terra

cade dagli astri nella solitudine.

Tutti cadiamo. Cade questa mano,

e ogni altra mano che tu vedi.

Ma tutte queste cose che cadono, Qualcuno

con dolcezza infinita le tiene nella mano. [Rilke]

View original post

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Lettera femminista ad Asia Argento

manginobrioches

asia-harvey

Cara Asia Argento,

comincio col dirti che tu non mi eri mai stata particolarmente simpatica. Mi eri sempre sembrata poco più di una starlette, aiutata da un cognome famoso, e disinibita ma soprattutto a favore di telecamera. Sai, la mia generazione – che pure è quella che più ha lottato contro moralismi e inibizioni e divieti – ha sviluppato tutto un suo moralismo e inibizione verso quelle più giovani e disinibite, ma con un sospetto di tornaconto e/o narcisismo che a noi, madri fondatrici della disinibizione, suona inaccettabile. Ti chiedo scusa di questo, ma te lo dico perché forse può aiutare un poco a comprendere questa vicenda, che nasce orribile in America tanti anni fa, ma assume qui, oggi, in Italia, tutta una sua sfumatura marroncina a cui concorrono firme famose, amazzoni del web e testate giornalistiche (sia pure di quelle avvezze alle patate bollenti, più che…

View original post 778 altre parole

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento