Da “Racconti di marina”: Un amore puro. Segnalato Premio G. Rossi2003

Ferrara, Premio Gianfranco Rossi ed. 2003.

 

– Marina…- pronunciavano le labbra senza alcun suono.

Dopo la prima frase, la lettera, la mano era posata al vetro,  lo sguardo era solo per lei che si allontanava.

Si girò poco dopo, sentendomi. Fece pochi passi all’indietro giungendo fino al prato verde del sottomura.

L’erba era da poco tagliata e l’aria si colorava del suo profumo nella notte.

 

“Sembra calato un sipario gelido fra di noi…” continuava la lettera. “….come un vetro che  ci lascia ed osservare impotenti, uno da una parte ed uno dall’altra senza contatto e senza calore. Sono vuota. Sento un buco nero nello stomaco, nato piccolissimo nutrendosi della mia energia, della mia voglia di combattere, di mangiare, di studiare, di respirare…   di vivere”.

 
Da laggiù mi osservava respirando con occhi pieni tutta la tristezza di quelle parole. Ero dispiaciuto e incapace di qualsiasi mossa. La mano posata sul gelo del vetro sentiva il freddo intenso salire profondamente attraverso il braccio paralizzando ogni movimento, come una statua di ghiaccio, lasciavo il destino a giocare le proprie carte.
 
D.D.
Annunci

Informazioni su dario deserri

...on my own way home...
Questa voce è stata pubblicata in Giornalismo, Letteratura, Libri e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...